Marco Coliandro PDF Stampa E-mail

Marco Coliandro

L'ispettore Marco Coliandro √® un giovane poliziotto in servizio presso la Questura di Bologna. La sua famiglia, originaria di Lecce, si trasfer√¨ nel capoluogo emiliano qualche anno prima della sua nascita. Coliandro proviene da una famiglia di poliziotti: anche suo padre e suo nonno lo erano; in particolare, suo padre faceva parte della scorta di un giudice, e mor√¨ insieme a lui a Palermo, a causa di un'autobomba, cinque anni prima dell'inizio delle vicende letterarie di Coliandro. √ą single, e da anni ormai non ha una storia seria con una donna.

Coliandro √® semplicemente il poliziotto pi√Ļ imbranato e pasticcione di Bologna. All'inizio era in servizio alla Squadra mobile, il suo sogno, ma poi ha mandato a monte un'importante operazione antidroga arrestando un carabiniere sotto copertura, e per punizione √® stato sbattuto prima all'Ufficio Passaporti, e poi addirittura allo Spaccio Alimentare della Questura, dove lavora assieme all'agente Gargiulo, un simpatico collega che lo aiuta nel lavoro, dato che Coliandro, pur essendo diplomato ragioniere, con computer e fatture √® assolutamente negato. Nonostante questa sistemazione, Coliandro cerca sempre di curiosare in qualche nuova indagine per potersi mettere in luce agli occhi del Questore Di Giulio (che per√≤ lui crede che lo odii) e ritornare cos√¨ alla Mobile, contando anche sull'amicizia con il collega Trombetti. Sul lavoro finisce sempre, in un modo o nell'altro, per scontrarsi con Nikita, una giovane ragazza punk che lo aiuta nelle sue indagini, soprattutto in quei luoghi dove la polizia non √® ben vista. Tutte le volte, Coliandro finisce inevitabilmente per innamorarsene.

Coliandro si dimostra vittima di molti luoghi comuni e pregiudizi che lo portano ad essere violento, sessista e razzista. In fondo, comunque, Coliandro è un poliziotto onesto e pronto a dare tutto per il suo lavoro, anche a costo di rimetterci in prima persona. Ha una vera e propria avversione verso le donne in Polizia, che non ritiene adatte ad un lavoro del genere (fosse per lui, dovrebbero semplicemente "starsene a casa..."). Si dimostra anche abbastanza intollerante verso gli extracomunitari, odiando indistintamente sia gli zingari lavavetri ai semafori, sia le prostitute che la notte affollano i viali periferici della città. Tra le sue passioni ci sono i motori: Coliandro è un fan della Formula 1, e ama sfrecciare per la città a bordo della sua auto sportiva rossa. Di contro, odia il calcio.

Il suo mito è il classico poliziotto americano: la sua casa è priva di libri (ad eccezione di quelli dei tempi della scuola), e non manca anche qualche rivista osè... ma in compenso è piena di videocassette di film d'azione, da Die Hard a Rambo, passando per Arma Letale e RoboCop. Sul lavoro molte volte prova ad intimidire i sospettati citando qualche celebre battuta di Mel  Gibson o Bruce Willis, ma il suo mito assoluto è Clint Eastwood e il suo Harry Callaghan, che cerca sempre di imitare nel parlare e nei modi di fare.

 

 
Valid XHTML & CSS | Template Design the science | Copyright © 2009 by officinewort