Ultimi Commenti

Mitico Pispisa
1 Martedì 23 Giugno 2009 14:25
Golem
Il primo romanzo di Guglielmo non ha nulla da inviadare ai successivi!!
Multiplo di G Pispisa , Administrator

Login

Le Prince noir. Omaggio ad André Héléna PDF Stampa E-mail

Le Prince noir - Omaggio ad André Héléna

 

 

le_prince_noir_bis

ISBN 9788861041059

 

André Héléna, le Prince noir, è oggi riconosciuto come il padre del noir francese, anche se un padre scoperto dai nostri cugini lettori d'oltralpe solo in età adulta, a parecchi anni dalla sua morte avvenuta a Leucate, un villaggio sul mare nei pressi di Narbonne dove era anche nato, il 18 novembre del 1972. Nei suoi 53 anni di vita, di cui una trentina consumati da autentico forzato della scrittura, Héléna ha pubblicato più di duecento romanzi, con gli pseudonimi più disparati e dei generi più diversi, erotico compreso, nel continuo tentativo di riuscire a estorcere qualche franco dei diritti d'autore che gli spettavano a quegli editori disonesti che hanno rappresentato per la sua esistenza quotidiana una dannazione, ma per la sua intensa vita letteraria, la nostra fortuna.

Discostandosi dal filone alla Simenon, quello del giallo fine a se stesso, ha preferito sporcare la propria narrazione per raccontare la realtà nella sua forma più cruda e spietata, passando da una letteratura di semplice intrattenimento a una che non si vergognava di gridare la propria rabbia e disperazione nel tentativo di risvegliare la coscienza del lettore.

È proprio perché urla alle coscienze che romanzi come Gli sbirri hanno sempre ragione e Un uomo qualunque restano ancora oggi attuali e di una modernità capace di evocare emozioni che spiazzano.

Nel segno di questa attualità, la casa editrice Aìsara, che ha negli ultimi anni tradotto per l'Italia molti dei suoi romanzi, aveva lanciato la scorsa primavera il concorso "Le Prince Noir" che avevamo diffuso con piacere anche sul sito di Officine Wort. Si trattava, nel quarantennale della morte di Héléna, di pubblicare un'antologia con dodici racconti ispirati ad altrettanti titoli dei suoi romanzi. Alcuni erano già stati assegnati a scrittori di professione, per i restanti si poteva partecipare con un proprio racconto e sperare d'essere fra i vincitori.

Siamo a metà del cammino di quest'avventura: il 18 novembre, infatti, uscirà in libreria la raccolta dal titolo "Le Prince noir. Omaggio a André Héléna", con prefazione di Serge Quadruppani. E con Luca Occhi fra gli autori, ci sarà anche un po' di Officine Wort.

L'altra metà continuerà assieme, negli incontri in libreria.

 

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.


 
"Chi ha ucciso Lucarelli" di Officine Wort & Complici PDF Stampa E-mail

Chi ha ucciso Lucarelli?

Officine Wort & Complici

 

chi_ha_ucciso_lucarelli

Pagine: 144
Formato : 15x21
Prezzo : 10.00 euro
ISBN : 978-88-96328-42-2
Pubblicazione : 2011

 

Siamo stati di parola. Avevamo promesso che il Romanzo Totale "Chi ha ucciso Lucarelli" (date un'occhiata all'apposita sezione del sito in alto a sinistra) sarebbe diventato un libro ed eccolo qua, la degna conclusione di un bel gioco. Scartata subito l'idea degli AA.VV. ci avevano proposto Officine Wort & C. Ma faceva tanto azienda metalmeccanica: così la prima cosa che ci è venuta in mente è stata "Complici". Perché è questo che siamo stati. Complici in una bellissima avventura.

"Tre personaggi in cerca dell'assassino del proprio autore. Detto così è un po' pirandelliano. Il commissario De Luca e gli ispettori Coliandro e Grazia Negro si trovano a dare la caccia all'omicida di Carlo Lucarelli, l'uomo che raccontandoli li ha creati. E' un susseguirsi di vicende e personaggi, di colpi di scena che si intersecano in una storia sempre più coinvolgente.
Poliziotti e giornalisti, trame oscure e depistaggi, tutto si intreccia dietro l'omicidio di Carlo Lucarelli nel giorno del suo 50° compleanno. Se fosse un libro sarebbe «Misteri d'Italia» di Carlo Lucarelli, se fosse una inchiesta televisiva sarebbe «Blu Notte» di Carlo Lucarelli, se fosse un fumetto sarebbe «Cornelio» ideato da Carlo Lucarelli, se fosse un film sarebbe «L'isola dell'Angelo caduto» di Carlo Lucarelli.
Sempre lui, viene quasi voglia di ucciderlo... "

(Paolo Bernardi)

Potete anche acquistarlo qui

 
"Il libro nel cassetto"? No, grazie. PDF Stampa E-mail

Il libro nel cassetto - Nuovi talenti letterari

libro_cassetto

Una volta tanto eccoci qua a NON consigliarvi un concorso letterario. Buffo, no? Potremmo limitarci a farlo passare sotto silenzio, ma certe cose a volte vanno raccontate. Storie incredibili. Dopo Il Festival dell'Inedito naufragato in un mare di critiche e dileggi è la volta del Concorso "Il libro nel cassetto" bandito da Edizioni Moderna, e fin qui ci può stare, ma con il patrocinio del Comune di Ravenna. Di seguito, come in un gioco di enigmistica riportiamo il bando. Leggetelo e individuate i punti assurdi. Dopo di che, potete cliccare sopra "Soluzioni", per confrontare la vostra perspicacia ed esperienza con la nostra. Buon divetimento. E occhi aperti.

 

LEGGI IL BANDO

Soluzioni

 

 

 
La Corrata Potiomkin è una cagata pazzesca... PDF Stampa E-mail

LA CORAZZATA POTIOMKIN È UNA CAGATA PAZZESCA

(Recensioni contro il senso comune)

A cura di Robin Book

la-corazzata-potemkin-posters

A leggere certe classifiche dei libri più venduti e soprattutto a sentire i commenti della gente, sempre più spesso ho la terribile impressione di ritrovarmi intrappolato, senza via di scampo, in una tragica favoletta. Avete presente I vestiti nuovi dell'imperatore? Dei sarti furbacchioni rifilano al vanesio imperatore vestiti di stoffa così speciale e raffinata, a loro dire, che solo le persone intelligenti e di buon gusto sono in grado di vedere. Così quando l'imperatore sfila nudo per la città, tutti fanno a gara a decantare quanto sono meravigliosi ed eleganti i suoi vestiti nuovi. Sarà la voce libera e innocente di un bambino, a ristabilire la verità.

Per certi libri sembra valere lo stesso identico, perverso meccanismo. A dire che non ti sono piaciuti, rischi di fare la figura dell'insensibile o dell'ignorante. A dire che sono bellissimi, entri a far parte del mucchio, avvolto e protetto da un confortante conformismo (sub) culturale che ti pone nella media.

Bene, io alla Fantozzi non ci sto, rifiuto l'omologazione, la piaggeria. E vi spiego le ragioni per cui alcuni libri tanto osannati da pubblico e critica non mi sono affatto piaciuti.

 

(Attenzione anticipazioni sulle trame)

 

Il cacciatore di aquiloni di Khaled Hosseini       L'eleganza del riccio di Muriel Barbery

Come Dio comanda di Niccolò Ammaniti         L'ombra di quel che eravamo di Luis Sepùlveda

Seta di Alessandro Baricco

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 5
Valid XHTML & CSS | Template Design the science | Copyright © 2009 by officinewort