Maurizio Verduchi - "Turno di Notte" 2010 PDF Stampa E-mail

 

Era una sera della scorsa estate, il 10 luglio come oggi, sai quella festa sul fiume che fanno a Imola.... Comunque la festa non è importante, l'importante è che ero là con quattro amici quando me la sono trovata davanti....che versi fai? Ah il bavaglio... allora in mezzo all'afa e alle zanzare vedo lei, Silvia. Adesso non venirmi a dire che non ti ricordi di Silvia,dai, al liceo in sostanza mi stava dietro... non fare quello sguardo a cazzo; lo so io che mi stava dietro e tanto basta e se non la pianti ti sparo senza neanche farti sapere come è andata.
Allora, vedo Silvia, proprio lei,che nei quattro anni che erano passati era cambiata molto, non era pi√Ļ la ragazzina che ricordi... no era sbocciata ed era cresciuta in tutti sensi...oh insomma era una diventata una gnocca della madonna.
Per una volta mi lancio e...mi riconosce a fatica, mi sorride e mi pianta lì andandosene con quel bastardo di Bruno, ma si Bruno il costruttore...si, quello che indagano sempre per corruzione ...che razza di giornalista sei, te lo devi ricordare per forza!
Ecco, bravo dallo sguardo vedo che hai capito.
Anch'io grazie a Silvia cominciavo a capire cosa non andava in me.
Ho preso l'elenco del Liceo...si avevo un elenco di quelle che mi piacevano! E allora? Qualcosa che non va?
Insomma ho preso l'elenco e dopo qualche mese ero riuscito a ricostruire gli ultimi quattro anni delle quindici ragazze che mi piacevano (un bel campione statistico converrai con me).
Dunque su 15 ragazze 10, pari al 66,6 periodico,erano legate a stronzi, semidelinquenti, truffatori, politici corrotti; delle 5 restanti 3 erano veramente diventate orrende e quindi non si considerano e 2, pari al 13,3 periodico, erano legati a persone a modo.
La conseguenza di tutto ciò è lampante: se sei un bastardo hai una possibilità di riuscita con le belle ragazze cinque volte maggiore di una brava persona.
L'evidenza scientifica della cosa è dimostrabile empiricamente, pensa al nostro Presidente del Consiglio....
Quindi ho cercato di costruirmi un'immagine da bastardo che per uno studente di matematica non √® semplice; prima ho cercato la via pi√Ļ facile per un intellettuale: mi sono iscritto a un partito per occupare un ruolo anche medio basso e farmi corrompere: una coda che neanche alla distribuzione del pane ai tempi della guerra che raccontava il nonno; l√¨ niente da fare per almeno dieci anni.
Ho deciso di stringere i tempi: avrai letto delle tentate rapine a Castelnuovo Bolognese e a Zello... Cazzo ridi? Si quelle del rapinatore imbranato che scappava e una volta ha perso l'orologio e l'altra il fermasoldi coi soldi..bèh almeno non ho perso i documenti.
Insomma non sono tagliato per queste cose, dovevo cambiare dentro. Prima diventare una carogna vera e poi avrei potuto fare qualsiasi cosa e quindi ho deciso: mi sono procurato alla facoltà di biologia dei magnifici batteri che producono una tossina letale e li ho piazzati in quattro punti di distribuzione degli acquedotti di Imola. Un bel ricatto, un bel po' di soldi, nessuno si fa male e io, finalmente cattivo dentro e senza scrupoli, potrò avere successo con le ragazze. Che c'è di male?
Invece arrivi tu il grande giornalista, ti fai venire dubbi su del materiale che manca all'Università, figurarsi, e mi scopri!
Capisci anche tu che per avere le ragazze devo ucciderti.
Però aspetta dai, sei un amico: ti faccio vedere come mi inserisco nella TV locale e lancio il ricatto: sarà il mio grande momento...3 - 2- 1 via connessione!... che cazzo ridi ancora?.....

Da Il Resto del Carlino dell'11 luglio 2010: Le forze dell'Ordine non hanno avuto difficoltà a catturare il terrorista e liberare l'ostaggio. Infatti con incredibile disattenzione non solo ha inquadrato la targa identificativa del locale dell'acquedotto dove si era introdotto ma è apparso a volto scoperto ed è stato facilmente riconosciuto...
 
Valid XHTML & CSS | Template Design the science | Copyright © 2009 by officinewort