BUONA FORTUNA di Barbara Fiorio PDF Stampa E-mail
buona_fortunaBuona Fortuna
di Barbara Fiorio
Ed. Mondadori
202 pagine
[…] La mia vita è fatta di piani B
Gatti e pioggia invernale. Gatti e amicizia. Gatti e mare. Il mare di Genova.
Margot ha 38 anni, un lavoro precario che la cannibalizza, un gatto, Diesel di umana personalità e un fidanzato così simpatico da guadagnarsi il soprannome di “Tormento”. Il lavoro è sempre più invasivo e sempre più precario (come è possibile avere insieme queste due incongruenti caratteristiche? Eppure è così),
il fidanzato è sempre più insopportabile, il gatto non gode di buona salute. “Per il resto, tutto bene”, si dice Margot, non perché sia ottimista a oltranza, ma perché vive. Vive la sua vita faticosa, cade e si rialza, portando con sé delusioni e speranze, incertezza e fiducia. Tutto contemporaneamente.  L’incontro con Caterina, anziana proprietaria di una ricevitoria, è destinato a cambiare la vita di Margot. Quali sorprese la attendono? Saranno buone o cattive nuove? Non rimane che augurare buona fortuna. A Margot, a Caterina, a tutti i gatti bisognosi di affetto, a tutti i lavoratori precari, a chiunque senta di avere necessità di fortuna, di sogni.
Il tono della narrazione è leggero, ironico ma senza polemica. Insomma, divertente,  tanto da coinvolgerci e da farci prendere dal “voler sapere che succede nelle prossime pagine”. Quando un libro riesce nell’intento di non farsi abbandonare fino alla fine della lettura, ha già fatto più del suo dovere di libro, accede di diritto alla classifica dei preferiti. Ma “Buona fortuna” non si accontenta di questo già ottimo risultato, anzi, va oltre: fa venire voglia di andare a Genova, subito, e percorrere gli stessi itinerari di Margot, respirando aria di mare e di traffico, aspettandosi di scorgere Margot mentre percorre itinerari interminabili, in moto e a bordo di mezzi pubblici. Per poterle augurare di cuore buona fortuna, qualsiasi genere di fortuna.
Cristina Orlandi
 
Valid XHTML & CSS | Template Design the science | Copyright © 2009 by officinewort