"Il morso degli Angeli" di Maria Silvia Avanzato PDF Stampa E-mail

Il morso degli angeli


di Maria Silvia Avanzato

morso_angeli

(Senzapatria)

 

Ivo vaga a notte fonda, da solo, in auto, alla ricerca di un po' di felicità. Che non sta, come per molti al volante a quell'ora, a metà strada fra un viso dal trucco volgare e un paio di tacchi improbabili, in vendita per cinquanta euro in qualche viale di periferia. No, a procurargli una gioia segreta sono le scritte che appaiono all'improvviso sui muri illuminati dai fari dell'auto, mentre percorre l'A1. Brevi frasi che nel vuoto della sua solitudine si trasmutano in incipit d'infinite storie possibili: Qui ho baciato Gretel, Polizia Assassina, Anna Crepa.

Raccoglie scritte sui muri Ivo, come il suo vecchio, che faceva l'antiquario, collezionava i suoi adorati Panzerstecher. Anche la madre di Ivo, a modo suo, colleziona qualcosa. Assieme a un dottore vestito sempre di nero. E Ivo lo sa che le scritte sui muri non basteranno a nasconderlo al suo destino: con lei, e la sua misericordia, alla fine, dovrà fare i conti. Perché certe collezioni di famiglia si tramandano per tradizione da una generazione all'altra, che si voglia o no, e non esiste modo di sfuggirvi. Prima, però, Ivo ha un conto in sospeso da regolare con il famoso scrittore Massimo Balillo...

* * *

È un grande vortice narrativo quello in cui ci trascina Maria Silvia Avanzato in questo libro dalle dimensioni volutamente ridotte, pensato apposta per i distributori automatici situati in luoghi in cui la gente è solo di passaggio, come la metropolitana capitolina. Un vortice fatto di parole dense, <L'atrio di casa mia odora di polvere, uno zerbino stinto sta obliquo in mezzo al corridoio, tutte le porte chiuse, sverniciate: ogni stanza è un occhio stanco e le porte calano come palpebre sanguinanti sui segreti delle pupille>, come suo solito, un gorgo di emozioni che nei giri concentrici sempre più stretti annulla a poco a poco le distanze fra la pagina e il lettore. Come dovrebbe sempre fare un buon libro.

 
Valid XHTML & CSS | Template Design the science | Copyright © 2009 by officinewort