MILANO PASTIS di Davide Pappalardo PDF Stampa E-mail

milano_pastis

[...] La paura è un fattore ancestrale. È' la molla della vita.

Milano Pastis, di Davide Pappalardo.

190 pagine. Nerocromo edizioni.

Cosa può gravitare, attorno a una rapina? L'arrivo, per esempio, in una banca, di un gruppo di individui armati, di solito dal volto coperto, cheintimano la consegna di denaro, ne è solo il prodotto, a uso e consumo del pubblico.

Nel suo romanzo, liberamente ispirato alla rapina alla gioielleria di Via Montenapoleone a Milano, avvenuta nel lontano aprile del 1964,Davide Pappalardo guida passo passo il lettore, a fargli scoprire il reale significato, a tutto tondo, del termine "rapina".

È uno spaccato di vita sociale, dove tutti, poliziotti e malavitosi, devono rispettare regole e impegni.   Tutti vivono a seconda di quel cheviene loro offerto e della capacità di volgere gli eventi a proprio favore. Tutti quindi lavorano, interagiscono, vanno in crisi, si innamorano,ne' più ne' meno che in qualsiasi altro contesto sociale, con la differenza che qui ci sono parecchi brividi in più.

L'autore, con una scrittura curata, che non lascia nulla al caso, tiene ancorato il lettore dalla prima all'ultima pagina, attraverso le vicendelegate al "prima", "durante" e "dopo" la rapina. Ci fa conoscere gli aspetti organizzativi e le conseguenze di un gesto capace di cambiare lastoria del crimine, con una capacità del tutto noir di farci confondere i "buoni" con i "cattivi", o meglio, di farci capire quanto, nel noir, ilconfine tra buono e cattivo non sia così ben delineato. Anzi.

Quindi è normale che uno dei cattivi ci diventi simpatico e che una danzatrice di dubbi costumi si trasformi in una fanciulla da cui le nostrefiglie dovrebbero prendere esempio. Perché questo è il vero, grande senso del noir: il saper ribaltare tutte le etichette, tutti i codici e sapervedere quali logiche, quali codici vi siano dietro comportamenti cosiddetti "buoni" o "cattivi".

Vicende di oltre mezzo secolo fa, ma ce ne rendiamo conto solo quando vengono man mano datate. Perché questa storia, vera, ispirata, oinventata, potrebbe succedere anche oggi, o tra dieci, venti, o perché no, altri 50 anni.

 
Valid XHTML & CSS | Template Design the science | Copyright © 2009 by officinewort