L'Incipit di Carlo Lucarelli per "Turno di Notte" 2021 PDF Stampa E-mail
Ci sono giornate fatte solo di una lunga attesa, che non passano mai.

I minuti si gonfiano e si allargano, riempiono tutti gli spazi e sembra quasi che li puoi toccare.

È un'attesa snervante, che ti fa rimanere rigido, con i muscoli tesi e i denti serrati, le mani che sudano e la mente inceppata, ferma solo su quell'unico pensiero.

Quanto tempo si può rimanere così, immobile ad aspettare?

Un giorno? Un mese? Un anno? Per sempre?

(Carlo Lucarelli)

 

 

 

 

 
Valid XHTML & CSS | Template Design the science | Copyright © 2009 by officinewort